Ora anche con
ricarica PostePay

Perchè donare?
 Portale Azzurro
 Multimedia
 Rassegna Stampa
 I forum
 Album fotografici
Nessun archivio presente
 Servizi nel sito
Archivio Notizie
Forum di discussione
Links selezionati
 Stagioni precedenti
Stagione 2005-06
Stagione 2006-07
Stagione 2007-08
Stagione 2008-09
Stagione 2009-10
Stagione 2010-11
 Statistiche del sito
Visitatori online:
Visitatori oggi:
Pagine viste oggi:
Il Cittadino Lodi

«Il mio Amatori lotterà per lo scudetto»

Redazione - 16-08-2011

Il tecnico crede fermamente nelle possibilità di contendere il titolo a Viareggio e Valdagno
Marzella vede la sua squadra in “pole”: «Non temo nessuno»

LODI
Non vede l’ora di sbarcare a Lodi, indossare i panni da allenatore, conoscere bene i suoi giocatori e lavorare con loro per costruire il “suo” Amatori. E non vede l’ora, Pino Marzella, di far divertire ed innamorare il pubblico lodigiano; ma soprattutto di vincere e portare i giallorossi sul tetto d’Italia. Sono questi i sentimenti che pervadono l’animo caliente di Pino Marzella, che a poco meno di un mese dall’inizio della sua nuova avventura lodigiana è già come si suol dire “in clima partita”. Carico e motivato come non mai di plasmare quanto prima la sua nuova creatura, che assicura sarà «spettacolare e vincente». Intanto dalla sua Puglia, dove si gode gli ultimi giorni di vacanza, il tecnico parla a 360 gradi cominciando col fare le carte al prossimo campionato: «Penso che sarà un torneo molto equilibrato e incerto: tutte le più forti si sono rinforzate e dietro c’è un gruppone di squadre di buon livello che non lotteranno per vincere ma potranno dare fastidio - attacca Marzella -. Il Viareggio del mio amico Mariotti parte chiaramente favorito, ma insieme ai toscani vedo Amatori e Valdagno in “pole” per lo scudetto. Tra le altre mi piace molto il Molfetta, che già l’anno scorso sfiorò le semifinali e potrebbe essere la sorpresa del campionato. Del Giovinazzo non conosco il portiere e il difensore argentino, ma sarà una squadra pericolosa, mentre a Bassano dipenderà da chi arriverà da qui all’inizio del torneo. Comunque una cosa è certa: il mio Amatori lotterà per vincere questo scudetto». E il motivo sta tutto nelle idee e nei progetti che ha in mente per la squadra giallorossa: «Noi saremo in prima fila per vincere, non ci possiamo nascondere e io non ho paura di nessuno - prosegue deciso il tecnico pugliese -. All’Amatori manca solo mentalità vincente, quella che proverò a dare a tutto l’ambiente tramite il lavoro di ogni giorno. La mia squadra proporrà un gioco altamente spettacolare e molto veloce, fatto di tanta corsa e pressing, con parecchie innovazioni tattiche rispetto al passato. Come detto dal presidente nel “Progetto Campioni” vogliamo creare un modello Amatori, una squadra che negli anni costruisca un sistema di gioco unico e riconosciuto da tutti che ci dovrà portare a grandi vittorie». Il tecnico crede ciecamente nella rosa giallorossa: «Ho a disposizione una squadra fortissima, con tanti giocatori di altissimo livello che per me sono i migliori che potessi avere, tanto che, in pochi lo sanno, alcuni tentai di portarli già a Giovinazzo - continua Marzella -. Siamo una squadra piena di talento in cui ci sono ragazzi che si devono confermare e altri che hanno grande voglia di rivincita dopo un anno in chiaroscuro. C’è davvero tutto per fare bene e divertire il pubblico lodigiano che molto presto si innamorerà di questa squadra». Gli ultimi pensieri del nuovo sono per il “caso Vercelli” e per l’ormai imminente Mondiale: «Devo ammettere che non ho seguito molto la vicenda Vercelli, dico solo che in generale ogni tanto si dovrebbe chiudere un occhio su qualche lieve mancanza o dimenticanza. Certo, se mancano intere squadre previste dal regolamento diventa più difficile, ma se si tratta di piccolezze si potrebbe andare più incontro alle società: anche perchè, e io lo so bene essendo partito quasi da solo a Giovinazzo, portare avanti una società dilettantistica non è semplice. Sul Mondiale invece sono certo che Mariotti farà bene e che l’Italia con lui tornerà ai livelli che merita. Personalmente non avrei fatto certe scelte ed avrei seguito altre strade, ma questo è solo il mio parere. Sono felice per Losi che vivrà una grande esperienza e tornerà più forte di prima e tutto sommato anche per Antezza: mi spiace che debba saltare un Mondiale, ma viene da una stagione troppo travagliata e ha bisogno di curarsi bene per presentarsi al via pronto e a posto fisicamente».

Stefano Blanchetti