Ora anche con
ricarica PostePay

Perchè donare?
 Portale Azzurro
 Multimedia
 Rassegna Stampa
 I forum
 Album fotografici
Nessun archivio presente
 Servizi nel sito
Archivio Notizie
Forum di discussione
Links selezionati
 Stagioni precedenti
Stagione 2005-06
Stagione 2006-07
Stagione 2007-08
Stagione 2008-09
Stagione 2009-10
Stagione 2010-11
 Statistiche del sito
Visitatori online:
Visitatori oggi:
Pagine viste oggi:
qui sarzana

Il Sarzana blinda la porta con Giovanni Fontana

Hockey Sarzana - 12-08-2011
E’ Giovanni Fontana il portiere dell’Hockey Sarzana per la prossima stagione che si presenta e si dice entusiasta della pista e del pubblico: 'Pista e ambiente vecchio stampo! Io sono cresciuto al Centro Giovanile di Bassano -dichiara il portiere– e in un certo senso le due piste e i due ambienti si assomigliano... e Sarzana conserva ancora quel fascino.”

Per il prossimo campionato si serie A1 a Sarzana tra i pali ci sarà Giovanni Fontana. Corona ed il suo staff hanno chiuso la trattativa ed il presidente martedì scorso si è recato a Bassano del Grappa, città di residenza del portiere, ed ha definito gli ultimi dettagli. “Ci siamo incontrati al palazzetto del Centro Giovanile di Bassano, luogo storico per l’hockey a rotelle” – dichiara Corona – “ e ho trovato Giovanni entusiasta di iniziare la sua nuova avventura. Con la conferma di Sterpini e Achilli la rosa è quasi completata e non cambia molto rispetto allo scorso campionato, siamo attenti a come si muoverà il mercato e se ci fossero le condizioni per fare il colpaccio dell’ultima ora non ce lo lasceremmo sfuggire”
Giovanni Fontana e figlio d’arte in quanto il papà è il grande Francesco “Checco” Fontana, considerato, qualche decennio fa, il più forte portiere italiano in assoluto con riconoscimenti anche a livello internazionale. Giovanni è nato a Bassano del Grappa nel 1979, negli anni della gioventù gioca in Veneto presso il Bassano 54 fino al 2005 con una pausa nel Sandrigo. Con il Bassano 54 vince il primo scudetto della società veneta e la Coppa Italia nel 2003, come vice di Cunegatti. Nelle nazionali giovanili vanta un bronzo agli Europei Juniores del '98 e partecipa alla Coppa Latina nel '98. Nella stagione 2004/2005 viene ingaggiato nella società di Reggio Emilia in serie A2, squadra con cui vince il campionato. Rientra a Bassano per due stagioni, nel 2007/2008 approda al Castiglione di A1 dove, grazie ad un campionato esemplare, trascina con le sue prestazioni i maremmani alla salvezza, si guadagna un posto nella Nazionale di Cupisti agli Europei Seniores di Oviedo del 2008, dove conquista la medaglia di Bronzo. Vanta undici presenze in Nazionale Senior ed è stato selezionato per ben due volte per l' All Star Game. Gioca poi nel Seregno e nel Follonica dove gioca fino a gara 4 per lo scudetto vinto poi dal Valdagno. Lo scorso anno ha fatto ritorno tra i pali seregnesi. La crisi che aveva colto la società rossonera, a causa di problemi dello sponsor principale ha rischiato di far saltare quello che sembrava un accordo già concluso a inizio estate. Per fortuna l'allarme è rientrato e Fontana arriverà a difendere i pali della porta rossonera.

Dopo tanto finalmente si può annunciare che Giovanni Fontana il prossimo anno sarà il portiere del Sarzana: è stato un lungo corteggiamento dunque?
Questa che si è conclusa con il Sarzana è una trattativa che parte da lontano. Infatti il primissimo interessamento ed i primi contatti erano avvenuti due estati fa. Già allora ero molto lusingato dal corteggiamento del presidente Corona, nonchè attirato dal progetto, che si è infatti rivelato solido e coerente con le idee di partenza della società (illustratemi dal Presidente), che voleva avanzare passo dopo passo secondo le proprie possibilità, senza trascurare il potenziale cresciuto in casa, ma allo stesso tempo riuscendo ad ottenere risultati notevoli. Dopo due anni di "ammiccamenti" reciproci, quest'estate siamo riusciti ad incontrarci...io ci tenevo a venire a Sarzana ed il Sarzana aveva deciso a favore mio.

Sei contento di venire a Sarzana ?
Ripeto, come già al tempo, ero molto attirato dalle idee e dalla concretezza del progetto e della società ..adesso, anche in virtù di ciò che si è visto e sentito in questi anni, ne sono ancora più convinto. Ho avuto il piacere di conoscere, anche se in maniera non troppo approfondita, parte della società e ne sono rimasto piacevolmente colpito.
Sono stato fin da subito messo a mio agio e quasi "coccolato". .come in un'atmosfera familiare. Inoltre conosco, oltre a Luca Sterpini col quale ho rapporti di amicizia anche fuori dalla pista, buona parte dei giocatori, dei quali ho avuto una bella impressione anche al di la dell'aspetto sportivo ed hockeystico.
Tutti questi sono presupposti che mi portano ad essere ben felice e soddisfatto di poter venire a Sarzana.

Cosa conosci della società e cosa della città ?
Il mondo dell'hockey è piccolo, ed i giocatori tra loro si parlano, perciò si è, bene o male, abbastanza informati riguardo le situazioni delle varie società e soprattutto riguardo la serietà e l'affidabilità di esse. Anche questi aspetti incidono nella scelta di noi giocatori per propendere verso una squadra piuttosto che un'altra. E come ho già accennato prima, ciò che si è visto e sentito sino ad ora conferma le mie primissime impressioni di serietà e coerenza di questa società. Per di più il lavoro fatto dalla società in questi anni sul settore giovanile ed i risultati ottenuti, sono una ulteriore dimostrazione della costanza e dell'impegno tutt'altro che passeggero. E poi…..il pubblico, uno spettacolo!

Giocherai in un impianto particolare che la maggioranza dei giocatori detesta, tu che ci sei venuto da avversario cosa ne pensi ?
Penso che venire a giocare da avversario a Sarzana in un ambiente di questo tipo (pista piccola, pubblico a ridosso del campo da gioco, atmosfera incandescente,..), non sia assolutamente facile, ma è certamente affascinante e stimolante.
Personalmente, al di la della pista, che crea diversi problemi ad ogni squadra avversaria, mi è sempre piaciuto venire a giocare a Sarzana e contro il Sarzana. .una partita adrenalinica, certo dove ogni singolo portiere è impegnato il doppio rispetto ad una qualsiasi altra pista (causa le dimensioni e i necessari adattamenti tattici)..ma per me era senz'altro stimolante, causa anche il calore del pubblico. Pista e ambiente vecchio stampo! Io sono cresciuto al centro giovanile di Bassano e in un certo senso le due piste (come anche la vecchia pista Lido di Valdagno) e i due ambienti si assomigliano…....e Sarzana conserva ancora quel fascino.

In città si parla molto del tuo arrivo e il pubblico è pronto a eleggerti come beniamino vuoi dire qualcosa al tuo nuovo pubblico?
Che continuino sostenere ed amare la propria squadra come hanno fatto in questi anni…...con la stessa passione e lo stesso trasporto che si percepiva ogni qual volta si entrava in pista contro il Sarzana. Sono aspetti che aiutano a fare la differenza. Per un giocatore un'emozione e una spinta notevoli. Ci tengo a ripeterlo…….Uno spettacolo!
Pero Quest'anno……..per quello che mi riguarda…...con la maglia del loro stesso colore!!